Bits and pieces (back home)

Eccoci qui, siamo tornati.

Mentre osservo i due primi stendini di biancheria asciugare a vista d’occhio (a proposito, questo lo conoscete già? www.stendibiancheria.net) cresce in me la convinzione che non potrei mai vivere in un posto in cui far asciugare la roba all’aperto è una specie di evento eccezionale…

La proprietaria dell’appartamento che abbiamo affittato per due settimane proprio a metà luglio ha deciso di dotare la casa di una lavatrice, mentre mi mostrava il funzionamento mi ha proposto di stendere nel locale lavanderia, in pratica in cantina. Orrore orrore. Ho piazzato lo stendino sul balcone guardando il cielo con aria minacciosa. Wechselhaft mit vereinzelten Regenschauern. Variabile con sporadiche piogge improvvise.
Evabbé, si sapeva. Globalmente il tempo è stato bello, dai 17° ai 32°, abbiamo avuto di tutto, sole, pioggia, caldo e freschino. I locali decantano le spiagge sul lago di Costanza ritenuto “balneabile”, abbiamo ringraziato con cortesia e fatto ciao ciao con la manina dalle splendide piscine termali…

Lindau è sempre carina, la conoscevamo già , ci eravamo stati da “sfigliati” facendo romantiche passeggiate sul lungolago, ora conosciamo anche tutti i parchigioco, evvedi che non si smette mai di imparare…

Un giorno prima di partire avevo preso in prestito dalla biblioteca del paesone la guida touring della Germania del Sud. Fermamente intenzionati a mescolare il divertimento delle figlie con un po’ di “cultura”. Ovviamente la guida verde è stata dimenticata a casa. Le uniche concessioni culturali sono state una visita allo Zeppelin Museum. Visita che il consorte ha trascorso rispondendo alle 2.747 domande dell’INP che chiedeva lumi su quanto scritto sui vari cartelli illustrativi (il consorte non sa il tedesco) e io facendo buffe facce misto divertite/imbarazzate ad ogni manifestazione di entusiasmo della PBF che ogni 12 secondi circa esplodeva in un gioioso “Guadda!!! Un digibile!!!”. Il museo, per quello che me ne hanno lasciato cogliere, merita, anche saltando la raccolta d’arte. Oddio, dipende da quanto piace Otto Dix. A noi non ci piace.

Le due minicritiche d’arte hanno espresso parere negativo anche sulla chiesa di St. Maria di Birnauchiesa di St. Maria di Birnau. Abbiamo due figlie minimaliste che non apprezzano il barocco: “no piace etta chiesa” disse la PBF con aria sdegnata.
La posizione è spettacolare,
Io: “Pensa che bello sposarsi qui, dopo la cerimonia esci da qui, scendi la scalinata e davanti ti ritrovi questo stupendo panorama…”
Marito: “E piove.”
Come distruggere le atmosfere romantiche…

Ora, magari evitate domande su storia/monumenti/cultura varia ma se:
1. volete sapere tutto ciò che può entusiasmare la fascia di popolazione fra i 3 e 7 anni nei pressi della costa nord del lago di Costanza
2. volete un indirizzo di un appartamento carinissimo e attrezzatissimo per 4 persone (con tre camere…) a 65 euro a notte
ditelo ora o mai più. (Oddio…)

Le indicazioni su “come trascorrere 15 giorni di vacanza all’estero attraversando tre confini – uno dei quali non Schengen – con la carta d’identità scaduta e vivere felici” invece le fornisco solo via mail…

Previous

proof-reading…?

Next

E’ ovviamente un complotto…

5 Comments

  1. come, non conosciamo stendibiancheria.net? guarda http://www.stendibiancheria.net/credits.php 🙂

    Se la frontiera è quella swizzera, in genere non è un grande problema. Sono anni che non mi chiedono documenti 😛

  2. Tata! Ben tornata 🙂
    Voglio sapere tuttoooo!!

  3. ma almeno ti sei un po’ riposata? bacioni a voi.

  4. CV

    Riposata…?
    😀

  5. Hihi Mau probabilmente passa e ripassa spesso, davanti agli schvizzeri, se non gli chiedono niente… a voi è solo andata bene 😉
    (Dalle mie parti ogni tanto va anche meglio… ieri l’italiano era un omone grande e grosso -di circonferenza 😉 – che se avesse dovuto mettersi a correre per inseguire qualcuno non sarebbe riuscito a prendere nemmeno me, lo svizzero invece… manco c’era 😉 )

Comments are closed.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén