Category: Dialoghi fra due bimbe

ristabiliamo le gerarchie

Colto al volo a cena.

PBF: “Sì perché io sono la più grande!”
INP: “No, tu puoi essere la più bella, la più gentile, la più carina, puoi essere tutto quello che vuoi ma non la più grande.”
PBF: (con aria corrucciata) “…grande…”

Ma alle regine puzzeranno i piedi?

Uno dei giochi ricorrenti fra le due tizie piccole che abitano in casa nostra è quello di “travestirsi”. Con una serie di vecchi foulard, sciarpe, una canottiera colorata e setolosa dell’anteguerra, occhiali da sole, cerchietti luccicosi e altre varie ed eventuali.
L’altro giorno la l’INP agghindava la PBF ed era tutto un ridacchiare finché, nascoste dietro la porta scorrevole che dà sulle camere, si sente un pomposo annuncio:

INP: “Signore e signori, ecco a voi la regina!”
seguito da un “Muoviti, vai avanti e sorridi!”
e già lì vengono dei dubbi sul fatto che il protocollo contempli ordini perentori ai reali…
Dopo pochi secondi l’INP, scrutando la sua regina se ne esplode con un costernatissimo: “Lisa!!! Togliti subito quelle ciabatte puzzolenti e mettiti le antiscivolo!!!”

Antiscivolo? Una regina? Mah…

colto al volo

Ci sono dei momenti in cui la PBF esegue pedissequamente qualunque “ordine” di gioco impartitole dalla sorella maggiore. Fai questo, fai quello, spostati lì, mettiti cosà.

Salvo poi iniziare a improvvisamente a ridacchiare.

INP: “Lisa!!! Smettila di ridere, stiamo giocando seriamente!”

frasi catturate

Frase catturata nel pomeriggio mentre le due creature giocavano a nonsocché…

INP: “Lisa! Smettila di ridere, stiamo giocando seriamente!”

pesce-ciuccio?

Quando si decise la pavimentazione della casa si pensò di fare gran parte dell’appartamento in parquet “che è più caldo, anche per le bambine, per giocare, hai presente quanto si gioca per terra…”.

Gran parte della casa è quindi in parquet, tranne un piccolo pezzo del soggiorno, vicino all’ingresso.

Ovvio che per il 90% del tempo le bambine giocano esattamente lì. Nel mondo immaginario del “fare finta” quella è, a seconda del gioco, la piscina, il mare, il lago.

Oggi giocavano agli animali del mare e l’INP “ordinava” alla PBF di essere un pesce.

INP: “Lisa, facciamo che tu sei un pesce?”
PBF: (entusiasta, lei è sempre entusiasta alle proposte bizzarre della sorella) “Shiiii!” (sì, con l’acca)
INP: “…”
INP: (con sguardo schifato) “Lisa, togliti quel ciuccio, non s’è mai visto un pesce col ciuccio…”

no way

Contesto: Mamma in cucina che prepara da mangiare, figlia grande seduta a tavola che conversa con figlia piccola appollaiata sul seggiolone.

INP: “Sai Lisa, quando diventeremo grandi, io divento più grande di te e andremo alla scuola delementale e poi saremo due sorelle grandi. Due sorelle grandi di un altro bambino piccolino…”
Mamma: (con tono inorridito) “Ehhh?”
INP: “E sì, se no siamo le sorelle grandi di cosa?”

Schiacciante. Immagino che a una quattrenne non si possa dire no fucking way.

daddadda

Contesto: PBF sul seggiolone che ha appena finito di mangiare e fa versetti. INP che le ronza intorno.

PBF: “Daddaddaddaaadddaa”
INP: “No, devi dire MAMMA, PAPA’, GIULIA…non daddadda…”
PBF: (ridendo) “Daddaddaaa”
INP: “Ma allora non hai capito…”

Complici

L’ho già detto che devo creare la categoria “Dialoghi fra le figlie”?

Mamma, PBF e INP in camera. Mamma ha appena vestito la PBF ma non si è accorta che una manina è ancora infilata e nascosta dentro la manica della camicina.
INP infilando la mano dentro la manichina della PBF e con vocina tenera: “Cosa c’è qui dentro?…Un topolino? Noooo, una manina….!”
Poi si gira verso di me e con tono di rimprovero: “Mamma, le tiri fuori la manina? Ma non vedi che da sola non riesce?”

Prevedo tempi duri…

bimbe tenere

PBF sulla sdraietta che piange disperata.
Mamma con le mani immerse nell’acqua per cui impossibilitata ad accorrere sollecita.
INP si avvicina e con aria rassicurante si accoccola accanto alla sdraietta e dice:
“Cosa c’è? Eh? Cosa c’è, dillo alla tua sorellona cosa c’è che non va….”
Mamma a bocca aperta e a cuore sciolto.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén